San Vito

Published on Maggio 7th, 2020 | by Redazione

0

SAN VITO, Appello per le aree di Genneureu: “Vendita con troppi oneri per i cittadini”

Il Comune di San Vito promuoverà la la cessione in diritto di proprietà di aree comprese nel piano di zona in Genneureu già concesse in diritto di superficie diversi anni fa. L’operazione frutterebbe alle casse comunali qualcosa come 72mila euro. Si tratta di un progetto che non convince il consigliere comunale Gianfranco Mattana, eletto nelle file della maggioranza ma da tempo su posizioni critiche rispetto all’operato dell’amministrazione.

 

In un nota stampa Mattana esprime riserve sull’operazione ideata dall’amministrazione: “L’obiettivo velato – spiega l’esponente politico sanvitese – è quello di fare cassa e utilizzare i proventi, 72mila euro circa, per la realizzazione di parcheggi di cui ancora oggi, non sono note esattamente le ubicazioni”.

“Ciò che non capisco – spiega Mattana – è perché l’assessore ai lavori pubblici, Cristiana Pisano, ha deciso per sua volontà politica, di non applicare il massimo dello sconto ovvero dell’abbattimento (50 per cento) ma bensì solamente il 25 per cento. Ne consegue chiaramente che il corrispettivo che dovranno versare i proprietari in diritto di superficie, sarà inevitabilmente più alto. Senza dimenticare che inoltre al succitato corrispettivo da versare, ci sarebbero anche le spese per il rogito notarile, i diritti di segreteria e successivamente, un ulteriore corrispettivo da versare ugualmente nelle casse comunali per la rimozione dei vincoli di determinazione prezzi che consentirà agli interessati delle aree di non avere più vincoli nella determinazione del prezzo di cessione delle stesse, e nel rispettivo canone di locazione”.

Insomma, un’operazione, quella di acquisizione delle aree, che, a detta del consigliere comunale Gianfranco Mattana – rischia di non essere appetibile per coloro che attualmente detengono il diritto di superficie: “Perché non è stato applicato il 50 per cento – spiega – visto che comunque l’introito al Comune, anche se minore, sarebbe arrivato? Non trovo giusto fare cassa sulle spalle dei cittadini che, soprattutto in un periodo delicato come questo, stanno attraversando grosse difficoltà economiche. Il comune avrebbe avuto ugualmente la possibilità di incassare qualcosa; certo, non 72mila euro come previsto, sicuramente una cifra inferiore, ma, allo stesso tempo, avrebbe dimostrato “sensibilità” verso la situazione disastrosa che il nostro paese sta attraversando, andando incontro agli acquirenti. I proventi si sarebbero potuti investire, sempre all’interno dell’area PEEP, per realizzare delle migliorie, e non per la realizzazione dei parcheggi”.

(ilsarrabus.news)

:

Tags: , , ,


About the Author




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top ↑