L’amministrazione comunale di Villaputzu è pronta ad appaltar..." /> VILLAPUTZU, Pronti 370mila euro per il restauro della chiesa parrocchiale di San Giorgio – IlSarrabus.news


Villaputzu

Published on Agosto 13th, 2019 | by Redazione

0

VILLAPUTZU, Pronti 370mila euro per il restauro della chiesa parrocchiale di San Giorgio

L’amministrazione comunale di Villaputzu è pronta ad appaltare importanti lavori di ristrutturazione e recupero della Chiesa parrocchiale di San Giorgio.

 

E’ in via di approvazione da parte delle Giunta Comunale il progetto definitivo e esecutivo di ristrutturazione della facciata e del campanile della Chiesa di San Giorgio Martire. L’edificio, risalente tra il 1600 e il 1700, è dichiarato di interesse culturale storico e artistico dalla Soprintendenza per i Beni Architettonici, Paesaggistici, Storici, Artistici ed Etnoantropologici per le province di Cagliari e Oristano e soprattutto negli ultimi anni versa in cattive condizioni per le mancate manutenzioni. La situazione è peggiorata negli ultimi mesi a causa anche delle forti alluvioni che hanno colpito il Sarrabus, soprattutto quella più grave dell’ottobre 2018 ha ulteriormente danneggiato la chiesa provocando dei deterioramenti dei materiali della facciata e del campanile provocando anche a distanza di tempo dagli eventi calamitosi dei distacchi e crolli di pezzi di intonaco.

Principalmente l’edificio è caratterizzato da una situazione di degrado generalizzato di gran parte delle facciate, a causa della vetustà e della mancata manutenzione e, in particolare, da condizioni critiche della facciata dal punto di vista statico e di dissesto che hanno dato origine a fenomeni di distacco. Ora la situazione è stata messa in sicurezza per i cittadini ma l’amministrazione comunale ha ritenuto doveroso e urgente intervenire per ristrutturare la facciata e il campanile sia principalmente per motivi di sicurezza ma anche per ridare una bella immagine all’esterno della chiesa.

Il Comune ha per questi lavori stanziato e anticipato dal proprio bilancio circa 370.000 euro, cifra che verrà poi restituita al comune tramite rimodulazione dei fondi stanziati dalla presidenza del Consiglio dei Ministri per i danni alluvionali che verranno ridati ai comuni colpiti. Queste risorse si aggiungono ai 200.000 euro che il Comune ha ottenuto partecipando ad un bando specifico della Regione Sardegna proprio indirizzati per la ristrutturazione e messa in sicurezza degli edifici di culto.

Il contratto per i lavori con la ditta vincitrice della gara d’appalto dovrà necessariamente essere firmato entro il mese di settembre. I principali interventi previsti saranno sull’intera facciata della Chiesa e sul campanile. Sul campanile si effettuerà il risanamento del calcestruzzo della soletta di copertura, l’impermeabilizzazione della soletta, la revisione completa degli intonaci con fenomeni di degrado diffuso, comprendente l’ispezione, la spicconatura delle zone pericolanti e la tinteggiatura murale del tipo resistente agli agenti atmosferici e di tipo decorativo.

Per quanto riguarda la facciata principale della chiesa questi i principali interventi previsti: la spicconatura dell’intonaco a vivo di muro e la spazzolatura delle superfici, la spicconatura della rincocciatura sotto intonaco, utilizzando tutte le cautele per l’esecuzione nelle piccole zone e per la spazzolatura delle superfici, il trattamento dei tiranti in acciaio, fortemente degradati da fenomeni di ossidazione, la rincocciatura delle pareti, per rettificare e regolarizzare le superfici da intonacare, la pulitura dei fregi e delle cornici, il rifacimento delle cornici esistenti mediante la risagomatura a stucco e la tinteggiatura murale del tipo resistente agli agenti atmosferici e decorativo.

“La chiesa parrocchiale – spiega il sindaco Sandro Porcu – è uno dei principali simboli del nostro paese, è uno dei più rappresentativi monumenti oltre che ovviamente luogo di culto per tanti fedeli. Era doveroso e urgente intervenire principalmente per garantire la sicurezza dei cittadini, per tutelarla, salvaguardarla e migliorarne il decoro e l’immagine in quanto è un biglietto da visita da mostrare e promuovere a livello turistico e culturale”.

(ilsarrabus.news)

:
Condividi sui social e seguici:
error

Tags: ,


About the Author



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top ↑