Villaputzu

Published on Settembre 26th, 2017 | by Redazione

0

VILLAPUTZU, Manca il reparto di ortopedia a Muravera, odissea per un’anziana donna

Vorrei raccontare l’odissea di mia madre, 89 anni, che dall’ospedale San Marcellino di Muravera è  stata ricoverata per frattura al femore all’ospedale marino di  Cagliari lo scorso giovedi 20 settembre.

L’intervento era programmato per sabato 23 settembre ma, dopo aver fatto tutta la preparazione, solo alle 13,15 circa ci è  stato comunicato che l’operazione era stata rinviato a lunedì 25 settembre, giorno in cui, alle 19 dopo la preparazione (la paziente è  rimasta digiuna dalla mezzanotte fino a quell’ora) abbiamo avuto la comunicazione di un’altro rinvio per via di alcune urgenze che hanno fatto saltare l’intervento.

La paziente ha 89 anni per cui vorrei chiedere ai nostri medici, amministratori, al nostro carissimo assessore regionale alla Sanità, Luigi Arru, se il loro obiettivo è salvare vite umane o renderci la vita più breve.

In questi giorni ho trascorso molto tempo in ospedale per prestare assistenza a mia mamma ho potuto constatare che il personale  infermieristico lavora in condizioni disumane,  con corse estenuanti e difficilmente riescono a prestare assistenza specialmente alle persone non autosufficienti.  Ho sentito parlare di “progetto femore” in base al quale i pazienti che hanno un’età  superiore ai 75 anni devono essere operati entro le 48 ore: perché  non viene applicato?

Carissimo assessore Arru, visto che l’intervento di mia mamma è stato ancora rinviato, che dobbiamo fare?  Forse già contattare l’agenzia funebre? E’ questa la sanità che si vuole in Sardegna? Noi abbiamo il nostro Ospedale San Marcellino, ci restituisca il reparto di Ortopedia e tutti gli altri reparti dove il malato viene trattato con il rispetto dovuto.

Elena Lussu – Villaputzu

(ilsarrabus.news)

:

Tags: , ,


About the Author




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top ↑