Sardegna

Published on Aprile 2nd, 2020 | by Redazione

0

SARDEGNA, Oltre 43mila artigiani potranno accedere al contributo di 600 euro per il sostegno al reddito

Un totale di 43.184 artigiani stimati in Sardegna (esclusi quelli che dovrebbero percepire una pensione) tra titolari (27.706), soci (4.190), amministratori (9.551), e altre cariche (1.737). Quasi 17mila in provincia di Cagliari, 15mila in quella di Sassari, quasi 8mila a Nuoro e poco più di 3mila a Oristano.

 

Sono queste le stime degli Uffici Studi di Confartigianato Imprese Sardegna e Veneto, che hanno lavorato parallelamente per analizzare la situazione dei lavoratori autonomi (con o senza personale) che possono accedere alla misura di sostegno al reddito di 600 euro netti come stabilito dal Decreto Legge del 18 marzo.

“Il crash del sistema informatico INPS era del tutto prevedibile – commenta Antonio Matzutzi, presidente di Confartigianato Imprese Sardegna – perché i numeri delle imprese chiuse nell’Isola è preoccupante e di chi ha bisogno di questa piccola somma è in crescita. Al tutto si è aggiunto l’assalto al sistema, da parte di chi ha avuto paura di rimanere fuori da questo contributo, dopo le note informative sul sito INPS, prontamente rimosse, che parlavano di ordini cronologici”.

“Confartigianato, per supportare le imprese, da oggi e per i prossimi giorni – prosegue Matzutzi – affiancherà chi ha bisogno di essere assistito per la presentazione della domanda on line attraverso il Patronato INAPA Confartigianato, presente in tutta la Sardegna. Il nostro ruolo associativo infatti sin dall’inizio di questa crisi sanitaria è stato quello di supportare le imprese in tutti gli ambiti della loro operatività fiscale, bancaria, contributiva”.

Lo facciamo da settimane anche ai tavoli nazionali e regionali – sottolinea il Presidente di Confartigianato Sardegna – per far capire a chi prende le decisioni politiche, l’impatto economico e sociale che sta avendo e che avrà sulle nostre imprese il fenomeno che stiamo tutti vivendo, anche evitando modalità che riteniamo inaccettabili come il paventato click day per il bonus 600 euro che infatti siamo riusciti a far togliere”.

In ogni caso, chiediamo sostegni economici e finanziari che abbiano un impatto burocratico vicino allo zero – conclude Matzutzi – anche nel caso del bonus 600euro, che riteniamo veramente troppo basso e ci auguriamo sia solo un primo passo per avere sin da aprile una consistenza ben diversa”.

(ilsarrabus.news)

:

Tags: , ,


About the Author




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top ↑