Apertis Verbis

Published on Marzo 4th, 2019 | by Redazione

0

LA RIFLESSIONE. Destra e sinistra? Lo stesso modus operandi

Destra e sinistra? Uguali, perfettamente. Praticamente identiche. A fine regime si rimpallano accuse di mancanza di bon ton nella gestione della cosa pubblica. Salvo poi, quando tocca a loro, comportarsi nello stesso modo. La logica, detta brutalmente, è solo quella dell’opportunismo e della spregiudicata convenienza clientelare.

 

Il presidente della Regione Sardegna, Pigliaru (centrosinistra), sta già preparando gli scatoloni per lasciare la sua poltrona al neo-presidente Solinas (centrodestra). Ma prima di andarsene sta, in tutta fretta, provvedendo ad una lunga serie di nomine di dirigenti.

Attraverso gli uffici competenti, ha proposto un concorso celere per venti posti nell’apparato regionale. E poi c’è il terremoto dei circa 80 primariati della Sanità pubblica. E pensare che, cinque anni fa, quando l’uscente Cappellacci (centrodestra) stava per lasciargli la poltrona, Pigliaru lo accusò di una serie di nomine in extremis che travalicavano la ordinaria amministrazione di fine mandato.

Un atto – dichiarò Pigliaru – che da solo esprimeva la sua superiorità morale nei confronti del presidente del centrodestra”. Ecco, oggi, Pigliaru, si trova a compiere, in maniera ancor più greve e deprecabile, gli stessi “atti” di Cappellacci. Forse, inconsciamente, ha stabilito la superiorità morale dell’entrante Solinas. Per carità.

Mario Guerrini (giornalista Rai)

Da “Il mio osservatorio”

(ilsarrabus.news)

:

Tags: , ,


About the Author




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top ↑