Lettere

Published on Gennaio 4th, 2018 | by Redazione

1

LA LETTERA. Villaputzu, piazza Marconi vuota per Capodanno: “Che tristezza”

Il 31 dicembre, a cena da una mia sorella, ebbri di gioia e felicità aspettavamo lo scandire della mezzanotte. Il 2018 era pressoché alle porte del mondo. Quasi tutta la famiglia Loi era raggiante ed esultava attorno a una tavola imbandita di diverse prelibatezze.

 

Ritrovarsi a tavola tra fratelli e sorelle e rispettive cognate, dà sempre un senso d’infinita gioia e felicità. Ho guardato l’orologio, le lancette segnavano le 23.45, avevo intenzione di brindare assieme alla mia famiglia sulla piazza Marconi, come ogni anno, come da sempre. Sapevo che questa volta la fine d’anno 2017 fosse senza musica e balli, perché finanziariamente non si poteva ospitare un gruppo, come si facevano gli altri anni.

Ho proposto ai commensali tutti di andare nella mitica Piazza Marconi a salutare il nuovo anno. Ho pensato: se non ci sono cantanti e suonatori, ci saranno almeno tanti villaputzesi che intendono salutare il nuovo anno. Andiamo, hanno risposto in coro i miei cari. Armati di spumante e bicchieri per brindare all’evento in corso, a piedi, arriviamo alla Piazza Marconi.

Lo spettacolo mi ha lasciato di stucco. Non credevo in una piazza strapiena, ma un centinaio di persone sì. Il glorioso vecchio Municipio, nella notte fonda, avvolto nella luce dei lampioni è uno spettacolo fiabesco.

In piazza non c’era anima viva, nemmeno un randagio per caso, desolazione agghiacciante, paese fantasma, eppure si era a fine d’anno. Abbiamo brindato all’anno nuovo allo scoccar della mezzanotte col nostro spumante tra una risata e l’altra, pensando però alla tristezza del nostro paese piombato nell’oblio più profondo.

Egidio Loi (Villaputzu)

(ilsarrabus.news)

:

Tags: ,


About the Author




One Response to LA LETTERA. Villaputzu, piazza Marconi vuota per Capodanno: “Che tristezza”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top ↑