Villaputzu

Published on Ottobre 17th, 2020 | by Redazione

0

VILLAPUTZU, La replica del Condominio Sud di Porto Corallo: “I giudici del Tar hanno dato ragione a noi”

Si tinge di un’ulteriore puntata la telenovela delle opere di urbanizzazione della lottizzazione Vatur di Porto Corallo. In una nota stampa l’avvocato Stefania Scamutzi che rappresenta il Condomio Comparto 4 Settore Sud in merito al ricordo al Tar che avrebbe disposto la presa in carico delle opere di urbanizzazione relative alla lottizzazione in parola, ha rigettato il ricorso promosso dal condominio, ha dichiarato che “contrariamente a quanto dichiarato dal sindaco, il giudice amministrativo ha ritenuto che le richieste del condominio fossero state esaudite proprio a seguito della notifica del ricorso e, quindi, con la suddetta delibera del 3.08.2020, ragione per la quale il Tar ha dichiarato cessata la materia del contendere, cosa ben diversa dal rigetto del ricorso“.

 

In buona sostanza l’avvocato che cura gli interessi del condominio ha sottolineato che “il vero soccombente è, quindi, il Comune, il quale non essendosi attivato per oltre trent’anni, si è svegliato dal suo torpore soolo a seguito del ricorso all’autorità giudiziaria promosso dal Condominio Comparto 4 settore sud e ciò nonostante vi sia un obbligo di legge che impone al Comune di prendere in carico tutte le opere di urbanizzazione. Obbligo rimasto inattuato per oltre un trentennio e che probabilmente sarebbe stato ancora inauttuato ove non si fosse proceduto con il suddetto ricorso“.

Per di più – conclude l’avvocato Scamutzi nella sua nota stampa – nonostante la delibera di giunta e le dichiarate intenzioni di prendere in carico le opere, il Comune di Villaputzu non ha ancora materialmentdato un segito alla delibera ddi resa in carico, quale a titolo di esempio, quelo di consegnane alla società Abbanoa l’intera rete idrico fognaria” .

E’ infatti di questi giorni – conclude la nota del legale del Condominio Comparto 4 settore sud – l’ulteriore diffida della società lottizzante  Vatur nei confronti del Comune di procedere alla concreta gestione del suddetto impianto alla quale non consta sia ancora seguito alcun atto materiale di presa in consegna. E’ quindi possibile che la vicenda debba essere riproposta al giudice amministrativo“.

(ilsarrabus.news)

:

Tags: , ,


About the Author




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top ↑