Muravera

Published on 12 Novembre, 2019 | by Redazione

0

SANITA’, Le associazioni dicono no all’accorpamento delle chirurgie degli ospedali di Muravera e Isili

Sdegno e incredulità per la recente delibera dell’Azienda Tutela della Salute che ha accorpato le chirurgie dell’ospedale San Marcellino di Muravera e del San Giuseppe di Isili è stata espressa da Lidia Todde e da Luigi Pisci, portavi rispettivamente del Movimento Salviamo l’ospedale San Marcellino e del Comitato Sanità Bene Comune Sarcidano-Barbagia di Seulo.

 

“Dopo anni di politiche sanitarie discriminatorie per gli ospedali periferici – si legge in una nota stampa – che hanno conosciuto l’umiliazione del declassamento e dell’abbandono, era lecito pretendere dalla nuova classe dirigente regionale scelte di rottura e discontinuità rispetto al passato recente”.

“I nostri ospedali – si legge ancora nel documento – avrebbero bisogno di una massiccia cura ricostituente, arricchita da una programmazione locale intelligente e puntuale e da un solido impianto organizzativo autonomo teso a soddisfare le esigenze dei pazienti del territorio di prossimità e anche, all’occorreza, quelli dell’inflazionatissima città”.

“Per questo – spiegano Todde e Pisci – riteniamo che la scelta di accorpare le due malconce chirurgie sia insensata, intempestiva e sbrigativa, figlia senza’altro di logiche che poco hanno a che vedere con le condizioni oggettive dei singoli servizi e con la nec3ssità di rifunzionalizzare e rivitalizzare questi presidi ospedalieri di zona disagiata”.

“Chiediamo all’azienda – conclude la nota – all’assessore e alla Giunta di rinunciare a qualsiasi intento auto-assolutorio rispetto alle decisioni prese, attribuendone la reponsabilità alle gestioni precedenti e di adoperarsi con urgenza per ritirare la delibera”.

(ilsarrabus.news)

:
Condividi sui social e seguici:
error

Tags: , , ,


About the Author



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top ↑