Sanità

Published on Settembre 25th, 2017 | by Redazione

0

OSPEDALE, I sindaci alla Regione: “Il presidio rimanga di base e sia dotato di chirurgia d’urgenza”

L’ospedale San Marcellino di Muravera mantenga la classificazione di presidio ospedaliero di base,  venga dotato di un reparto di chirurgia generale con quindici posti letto in modo da garantire la chirurgia d’urgenza e la piena funzionalità della chirurgia elettiva, sia in day surgery che in week surgery, e del pronto soccorso.Sono le modifiche al riordino del sistema ospedaliero che i sindaci del Sarrabus hanno richiesto oggi con una comunicazione urgente ai presidenti di Giunta e Consiglio Regionale, all’assessore Regionale alla Sanità, al presidente della VI Commissione del Consiglio Regionale della Sardegna.Domani l’assemblea sarda incomincerà l’esame del disegno di legge di riordino del sistema ospedaliero della Sardegna

Nella proposta licenziata dalla Commissione Sanità  – hanno spiegato i primi cittadini di Castiadas, Muravera, San Vito, Villaputzu e Villasimius – viene garantita l’attività di pronto soccorso con la conseguente disponibilità dei necessari servizi di supporto alle altre attività, ma risultano esserci ancora delle criticità: non risulta chiara la gestione dei reparti di medicina interna e chirurgia generale in un’unica area assistenziale; gli interventi in week surgery della chirurgia elettiva ridotta non sarebbero di fatto possibili in quanto l’appoggio nei letti di medicina sarebbe previsto solo per i casi che non possono essere dimessi in giornata (e quindi di day surgery); negli ospedali situati in aree considerate geograficamente disagiate, con collegamenti di rete viaria complessi e conseguente dilatazione di tempi, e quindi anche nell’ospedale di Muravera, è necessario affiancare la chirurgia elettiva ad una chirurgia d’urgenza”.

(ilsarrabus.news)

:

Tags: ,


About the Author




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top ↑