Apertis Verbis

Published on Ottobre 11th, 2021 | by Redazione

0

L’INTERVENTO. Rivoluzione del traffico a Muravera, “perchè non consultare i cittadini?”

Nei giorni scorsi il nostro paese si è risvegliato con una intensa attività di maestranze lungo la Via Roma e nelle vie limitrofe, attività, nel piccolo, iniziate già da qualche giorno. E’ in atto la rivoluzione del traffico, a breve sarà sicuramente attuata. Come documentato in altra occasione sull’argomento, questa rivoluzione è oramai in evoluzione da diversi anni.
Il passato
Si era partiti, una decina di anni fa, con delle intuizioni poi accompagnate in forma bizzarra, da improbali pareri che suffragavano la scelta. Si è atteso un pò, poi finalmente uno studio scientifico-specialistico, sanciva che lungo la via Roma di Muravera non era più sostenibile il doppio senso di marcia, ma soprattutto attestava che il senso di percorrenza principale verso Muravera avviene arrivando dalla Nuova 125 lato San Vito. Questa è una precisazione numerica oggettiva e da qui si dovrebbe partire. L’Amministrazione comunale, con queste indicazioni, nel dicembre del 2018, adottava, con delibera il piano del traffico. Sembrava il documento conclusivo che sanciva definitivamente come doveva avvenire il senso di marcia.
Il nuovo inizio
L’attuale maggioranza promette in campagna elettorale il cambio del senso di marcia, poi una volta vinte le elezioni, il Sindaco dichiara che le promesse devono essere rispettate e si procederà al cambio del senso di marcia.
Sono seguiti diversi passaggi amministrativi che hanno portato alla decisione finale. Brevemente
– Il Sindaco, in Consiglio Comunale, durante l’esposizione delle linee programmatiche, nel mese di marzo, preannuncia: “Nei prossimi giorni il consigliere delegato presenterà una proposta per la risoluzione della problematica dell’inversione del senso di marcia nella Via Roma, secondo quanto promesso in campagna elettorale, auspicando un supporto da parte di tutti i consiglieri”.
– Segue una nuova comunicazione in aprile: “Ci saranno costi minimi per l’attuazione del cambio del senso di marcia, spese per solo cartellonistica, segnalazione orizzontale, esplicitando la sperimentazione al gran risparmio”.
– Nel maggio la commissione urbanistica si riunisce e il presidente spiega quali sono i principi e gli indirizzi del nuovo senso di marcia.
– Ai primi di agosto arriva la delibera di Giunta, che traccia le spese e la ditta vincitrice del progetto redato internamente all’ufficio tecnico, che esplicita i contenuti economici del progetto pari € 32.500,00 con impegno di spesa di € 35.000,00.
Con questa sintesi, noi di Officina, abbiamo riassunto il percorso per farlo conoscere ai cittadini e a chi magari non lo ricorda. Nella sostanza, da parte dell’Amministrazione il tutto è stato accompagnato da brevi comunicazioni in consiglio Comunale, una in commissione Urbanistica e qualche annuncio tramite stampa. Oggi la popolazione muraverese improvvisamente, chiede a noi dei chiarimenti, il nostro Capo gruppo è stato intervistato dai cittadini, chiedendogli chiarimenti e indicazioni. E’ mai possibile che si sia arrivati a questa rivoluzione senza aver coinvolto la popolazione, o meglio gran parte di essa? Noi, più volte, in altre occasioni avevamo fatto richiesta di maggiore coinvolgimento. Ribadiamo che discuterne in Consiglio Comunale, sarebbe stata l’occasione conoscitiva e di approvazione degli interventi sul traffico. Tutto questo in una società civile viene denominato democrazia partecipata. Oggi è questo che dobbiamo aspettarci da un consiglio comunale moderno?
Considerazioni generali
Con questo documento vogliamo rimarcare e valutare alcune problematiche: il fondo stradale nella via Sarrabus è idoneo? sono state fatte delle prove per verificare la sopportabilità di un intenso traffico pesante?
Inoltre si sta assistendo ad un graduale impoverimento di parcheggi, si è affrontato questo problema? In pochi mesi si sono persi i parcheggi nella Piazza Sant’Antonio, piazza di Chiesa, piazza Santa Lucia, ora anche in via Sarrabus e Via Gramsci, si sono trovate le alternative, è stato studiato un piano parcheggi?
Il presente
Qualche giorno fa è stata pubblicata su una pagina non istituzionale la proposta, divisa in due fasi, della Maggioranza sugli interventi relativi alla mobilità. E’ stata una degna rappresentazione, per certi versi, semplice e chiara, competente, con un’esplicita visione, niente da dire, anzi, si presume che sia quello che vorremmo tutti, almeno per quanto riguarda la seconda fase. In fondo al comunicato viene indicato un indirizzo di posta per fare osservazioni è commenti, proposte ecc. Certo, vista l’animazione di oggi, le osservazioni e i suggerimenti sembra che siano del tutto inutili, oramai, almeno per la prima fase, i giochi sono fatti.
La proposta
La prima fase, quella dell’immediato, è vuota, non è suffragata da nessuno studio, bastava cogliere le indicazioni contenute nel Piano del traffico adottato a suo tempo, senza farci trascinare da dubbie promesse elettorali. La seconda fase è sicuramente interessante e va nella stessa direzione che il nostro gruppo vuole perseguire. Sarebbe stato interessante coinvolgere la popolazione, fargli conoscere il progetto, tappezzando l’aula Consiliare degli elaborati contenuti nella pagina facebook del Gruppo “Muravera Rinasce”, consentire all’attuatore di descriverlo, farlo conoscere alla popolazione, recuperando il vuoto di comunicazione avvenuto fino ad ora. Gruppo consiliare “Officina Murera” – Muravera

:

Tags: , ,


About the Author




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top ↑