Le nuove tecnologie al servizio del turismo, specie ..." /> MURAVERA, Con il progetto Extra si punta alla piccola ospitalità diffusa e alle nuove tecnologie – IlSarrabus.news

Uncategorized

Published on Marzo 11th, 2019 | by Redazione

0

MURAVERA, Con il progetto Extra si punta alla piccola ospitalità diffusa e alle nuove tecnologie

Le nuove tecnologie al servizio del turismo, specie quello della piccola ospitalità diffusa. Nasce Muravera Extra, un progetto voluto dal Comune per strutturare un’offerta in grado di soddisfare i nuovi trend, un percorso, come sottolinea l’assessore comunale al Turismo, Marco Fanni, per acquisire «una consapevolezza in grado di farci cogliere i punti di forza, quelli di debolezza ma anche le nuove opportunità».

 

Muravera Extra è un percorso che il Comune sta portando avanti da sei mesi. «Negli ultimi quattro anni – spiega Fanni – Muravera ha raddoppiato il numero delle presenze turistiche ufficiali: siamo passati dalle 380mila alle 700mila e siamo diventati la prima realtà nel sud Sardegna, la quinta nell’Isola. Questo però non ci basta: occorre pensare a nuove strategie. Dobbiamo arricchire il nostro prodotto e per far ciò non è più sufficiente fermarsi ai grandi numeri del balneare ma spostare l’attenzione anche ai piccoli numeri della bassa stagione. Insomma, vogliamo far conoscere il nostro territorio in un periodo in cui si possono apprezzare anche altre cose oltre il mare».

La ricetta sta nel costruire, come si sta facendo con Muravera Extra, una rete turistica efficiente in cui i punti di forza siano la ricettività e le attività collegate come le nuove esprienze legate alla vacanza attiva, al food e all’integrazione con le aziende del territorio, un sistema in cui la piccola ospitalità diffusa sia protagonista con un’offerta alternativa che assicuri qualità e fruibilità in tutti i mesi dell’anno.

Fondamentale la collaborazione fra Comune ed operatori e la formazione degli stessi operatori che, per emergere su un mercato sempre più competitivo, devono essere in grado di sfruttare al massimo le nuove tecnologie: insomma, devono costantemente formarsi. «Stiamo mettendo a punto un modello semplice ma efficace – spiega l’assessore Fanni – una cabina di regia che coordini le attività fra privati, senza sovrastrutture, per ripensare il nostro sviluppo a medio e lungo termine. Ci siamo dati delle scadenze a breve, medio e lungo periodo ed alcune azioni si sono già concretizzate, altre sono in corso di attuazione o programmate a breve: dal nuovo sito istituzionale visitmuravera-costarei.it, al marchio di riferimento, alla nuova cartellonistica per la sentieristica, campagne di promozione ed azioni di marketing in Italia e all’ estero, partecipazione a fiere di settore internazionali, corsi di formazione specifici per operatori».

E proprio la formazione sarà fondamentale per vincere la sfida con un mercato sempre più competitivo. Nel corso di un incontro svoltosi nei giorni scorsi nella sala consiliare del Municipio di Muravera è stato messo in evidenza come gli operatori turistici e della ristorazione, piccoli e grandi, debbano formarsi per utilizzare al meglio le possibilità di promuoversi sul mare magnum del web, modalità di promozione in continua evoluzione e da possibilità impensabili fino a pochi anni fa.

«La partecipazione attiva di tanti operatori, l’entusiasmo e la volontà di aggregarsi che nel corso degli incontri è cresciuta costantemente: la convinzione è la forza che ci spinge a farci carico di questo progetto – dichiara Marco Fanni – Non siamo una meta conosciuta nei periodi di spalla, ma è proprio allora che abbiamo tutto il tempo da dedicare per farti sentire a casa coloro che scelgono ddi visitare il nostro territorio. Viviamo in un luogo meraviglioso, in cui si può vivere bene, a misura di uomo. Riflettiamo su cosa c’è di buono. La nostra può essere una terra di emozioni».

(ilsarrabus.news)

:

Tags: , , ,


About the Author




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top ↑