Apertis Verbis

Published on novembre 3rd, 2018 | by Redazione

0

LA LETTERA. Che fine ha fatto il centro che avrebbe dovuto ospitare i malati psichiatrici a Muravera?

Due settimane fa ho letto su questo giornale online la lettera relativa ai due pulmini di proprietà del Comune di Muravera che da anni non vengono utilizzati pur avendo una bassissima percorrenza chilometrica. Ebbene, ricordo perfettamente che uno di quei pulmini furono acquistati per fare da supporto al centro psichiatrico territoriale, realizzato ma mai entrato in funzione.

 

I locali, realizzati con un finanziamento regionale di circa 400mila euro (se non ricordo male), furono realizzati al piano superiore del poliambulatorio di Muravera. L’idea era quella di ospitare i malati psichiatrici in una sorta di casa famiglia dotata di tutti i confort, per reinserirli nella vita normale.

Con quei fondi furono acquistati anche gli arredi ma quel centro, al quale il pulmino era funzionale per trasportare gli utenti, non entrò mai in funzione. Perchè? Mistero. Forse a tanti non garbava d’avere i malati psichiatrici a Muravera, inseriti in una casa famiglia? Meglio lontani dagli occhi? Non lo so. Sta di fatto che quei locali, inizialmente realizzati per il loro inserimento nella vita cosidetta “normale”, sono stati usati per tutt’altri scopi.

Tornando ai pulmini, il secondo mezzo di cui tratta la lettera che avete pubblicato, ricordo che era stato acquistato per essere messo a disposizione di associazioni di volontariato che, col supporto dei servizi sociali, con quel mezzo avrebbero dovuto accompagnare i cittadini impossibilitati a muoversi a fare visite specialistiche o per sbrigare altre incombenze.

Detto questo, mi unisco al corso di chi chiede che quei mezzi non rimangano a marcire ma vengano messi a disposizione della cittadinanza.

Un lettore – Muravera

(ilsarrabus.news)

:
Condividi sui social e seguici:

Tags: , ,


About the Author



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top ↑
  • Notizie più recenti

  • Seguici su Facebook

  • Commenti recenti

  • Archivi

  • Categorie