Esteri

Published on Aprile 26th, 2022 | by Redazione

0

UCRAINA, Lavrov: “La minaccia di una guerra nucleare è reale”. Missili a bassa quota sorvolano centrale Zaporizhzhia

La minaccia di un conflitto nucleare è “seria, reale” e non deve essere sottovalutata. Sono le parole più importanti pronunciate dal ministro degli Esteri russo, Sergej Lavrov, in una lunga intervista televisiva in cui, implicitamente, sembra lanciare un monito all’Occidente in merito agli sviluppi della guerra in Ucraina. Il capo della diplomazia russa, d’altronde, ha affermato che Mosca sta tentando in tutti i modi di ridurre il rischio di una guerra nucleare, per esempio colpendo a più riprese “le strutture di stoccaggio nell’Ucraina occidentale”. “La Nato, in sostanza, è impegnata in una guerra per procura contro la Russia e sta armando questo intermediario”, ha detto Lavrov facendo un chiaro riferimento alle autorità di Kiev. “Guerra significa guerra”, ha aggiunto il ministro russo. Parole non troppo sibilline e che fanno da eco a quanto avvenuto ieri in Transnistria, la regione separatista filorussa situata nell’area orientale della Moldova, dove almeno due esplosioni sono avvenute nella sede del ministero dell’Interno. Quanto sia avvenuto resta, al momento, poco chiaro: alcune fonti di stampa russe riportano l’utilizzo di “un lanciagranate portatile anticarro” e riferiscono che non ci sarebbero state vittime. Il governo moldavo, in una nota, fa sapere che “l’obiettivo dell’incidente odierno è creare un pretesto per un’escalation nella regione della Transnistria, che non è controllata dalle autorità costituzionali”. La Transnistria, infatti, è sotto il controllo di un regime separatista pro Cremlino e ospita importanti depositi di armi oltre a circa 1.200 militari russi impiegati ufficialmente in attività di mantenimento della pace.
Energoatom: “Due missili russi sorvolano a bassa quota centrale nucleare Zaporizhzhia”. Due missili da crociera dell’esercito russo questa mattina hanno sorvolato a bassa quota la centrale nucleare di Zaporizhzhia, la più grande d’Europa. Lo ha affermato il servizio stampa dell’azienda statale ucraina del settore nucleare, Energoatom. Poco dopo, nella città di Zaporizhzhia sono state registrate esplosioni, dovute ai vettori russi. Secondo Energoatom, il volo di missili a bassa quota direttamente sopra la suddetta centrale, dove si trovano sette impianti nucleari con un’enorme quantità di materiale radioattivo, pone enormi rischi. “Dopotutto, i vettori possono colpire uno o più impianti nucleari, e questo minaccia una catastrofe nucleare e da radiazioni in tutto il mondo”, si legge nella dichiarazione.
Stato maggiore ucraino: eliminati 70 russi e distrutto deposito di munizioni a Kherson. L’esercito ucraino ha eliminato 70 militari russi e ha distrutto un deposito di munizioni nei pressi di Velyka Aleksandrovka, nella regione di Kherson. Lo riferisce questa mattina lo Stato maggiore delle Forze armate ucraine sulla propria pagina Facebook. Inoltre, le unità degli invasori russi hanno subito perdite di militari nell’area degli insediamenti di Novodmitrovka e Belousovo. Tuttavia, sempre secondo fonti ucraine, l’esercito russo ha preso il controllo dell’edificio del consiglio comunale di Kherson, rimuovendo la bandiera ucraina dal tetto. I dipendenti del municipio sono stati espulsi dai locali dove sono soliti lavorare dalle truppe russe “senza alcuna spiegazione”. Il sindaco di Kherson, Igor Kolykhaev, è stato l’ultimo a lasciare l’edificio.
Guterres a Mosca per vedere Putin, il malumore di Kiev. Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres si reca oggi a Mosca per tenere dei colloqui con il presidente russo, Vladimir Putin, e il ministro degli Esteri Sergej Lavrov. Una reazione giudicata da molti tardiva, quella delle Nazioni Uniti, che giunge in concomitanza con l’inizio del terzo mese di conflitto. Per le autorità di Kiev, tuttavia, la visita è stata giudicata addirittura come inopportuna. Il consigliere presidenziale ucraino, Igor Zhovkva, ha criticato la decisione di Guterres, affermando che “non è una buona idea andare a Mosca”. Zhovkva, parlando ai microfoni dell’emittente televisiva statunitense “Nbc”, ha detto di dubitare che i “colloqui di pace organizzati dal segretario generale dell’Onu porteranno a qualche risultato”. Parole che hanno di fatto confermato quelle pronunciate dal presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, secondo cui “la guerra è in Ucraina, non ci sono cadaveri nelle strade di Mosca. Sarebbe logico recarsi prima in Ucraina per vedere la gente lì e le conseguenze dell’occupazione”. Guterres, prima di arrivare a Mosca, è stato ieri in Turchia dove ha incontrato il presidente, Recep Tayyip Erdogan, che, al momento, è il principale mediatore fra Russia e Ucraina. I due, si legge in una nota delle Nazioni Unite, hanno riaffermato che il loro “obiettivo comune è porre fine alla guerra il prima possibile e creare le condizioni per porre fine alle sofferenze dei civili”.
Riunione della Nato a Ramstein. Il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, si reca oggi alla base aerea di Ramstein, in Germania, per incontrare il segretario della Difesa statunitense Lloyd Austin e altri alleati dell’Alleanza atlantica per discutere degli sviluppi della guerra. Austin ospita l’incontro di oggi al termine della visita congiunta a Kiev con il segretario di Stato Antony Blinken. Oltre ad annunciare la nomina della nuova ambasciatrice degli Stati Uniti in Ucraina, Bridget Brink, e la riapertura delle missioni diplomatiche nel Paese, la delegazione statunitense ha promesso più armi e denaro. I Paesi occidentali stanno aumentando la fornitura di armi pesanti all’Ucraina in questa fase in cui in conflitto sembra essersi concentrato sul fronte sud orientale. L’ultima in ordine di tempo ad annunciare la consegna di armamenti è stata la Polonia: il primo ministro Mateusz Morawiecki, infatti, ha confermato di aver inviato carri armati in Ucraina. (ilsarrabus.news) fonte: Agenzia Nova

:

Tags: ,


About the Author




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top ↑