Cultura

Published on agosto 11th, 2018 | by Redazione

0

STORIA. 1901, i danni dello straripamento del Rio Sulis nel centro abitato

Il 9 Novembre 1901 un gruppo di cittadini danneggiati dall’acquazzone del 7 Novembre 1901, derivante dallo straripamento del Torrente Sulis, che attraversava l’abitato, chiedevano al Sindaco del Comune di Villaputzu che venissero tutto o in parte risarciti dei danni subiti dall’inondazione.

 

Si è ritrovato un preziosissimo documento dove vengono indicati in elenco i nominativi dei danneggiati con il danno subito e l’importo corrispondente ad esso. “I sottoscritti danneggiati alla Signoria Vostra Illustrissima pregano, inoltrando la presente domanda di tenere memoria e di far possibil mezzi onde questi danni vengano se non tutto in parte rimborsati. Ancora in più umilmente preghiamo la Signoria Vostra Illustrissima dare un’occhiata sul ponte messo in Via Ziu Sulis che per causa di non poter ricevere una simile quantità d’acqua, varie abitazioni soffrono molte inondazioni.

Nell’elenco dei danni subiti troviamo: “danno causato tra biancheria, focolare, paglia Lire 85; focolare e muro di cinta demolito Lire 200; danaro in moneta cartacea guastato dall’inondazione che penetrò dentro le stanze Lire 10; una stanza ed una loggia rovinati Lire 100; danno dentro casa Lire 50; per un bue annegato nella piena Lire 125; danno nelle case Lire 50; una stanza, una cucina ed un forno rovinati a causa della pioggia Lire 150; per un forno Lire 25”.

Inoltre abbiamo notizia dell’assunzione di un gruppo di 22 validi uomini per lo sgombero dei materiali che ostruivano le vie dell’abitato; risultavano tutti di professione braccianti, per l’espletamento del lavoro si impiegarono una media di 5 giornate lavorative con un compenso di Lire 1 e centesimi 25 a giornata.

Francesca Sanna

(ilsarrabus.news)

:
Condividi sui social e seguici:

Tags: , ,


About the Author



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top ↑
  • Notizie più recenti

  • Seguici su Facebook

  • Commenti recenti

  • Archivi

  • Categorie