Un territorio fermo che si è dovuto arrendere alle restrizioni gover..." /> SARRABUS, In tempi di Coronavirus il cappuccino e il croissant arrivano a domicilio – IlSarrabus.news


Sarrabus

Published on Aprile 17th, 2020 | by Redazione

0

SARRABUS, In tempi di Coronavirus il cappuccino e il croissant arrivano a domicilio

Un territorio fermo che si è dovuto arrendere alle restrizioni governative per arginare il pericolo del Coronavirus. Ma è stata una resa breve fino a quando, le attività autorizzate, sono tornate operative seguendo tutte le regole e in massima sicurezza. Locali chiusi ma l’alternativa è la consegna a domicilio.

 

Come Alessandro Carta, ad esempio, al momento titolare di un vero e proprio bar su quattro ruote. Che racconta: «Per tutti noi che lavoriamo a contatto con il pubblico è stato un duro provvedimento. Ma dopo lo scoraggiamento iniziale abbiamo pensato a un modo per continuare a lavorare, sia per non restare immobili che per riuscire a pagare le spese, almeno è quello che spero. Perché le entrate si sono fermate, ma le spese no. Siamo rimasti fermi le prime due settimane, poi mi è balenata l’idea della consegna a domicilio».

Le sue giornate sono suddivise in orari precisi. Afferma: «Sì, come orari d’uscita abbiamo dalle 8 alle 12.30 e dalle 16 alle 20.30. La mattina distribuiamo principalmente le colazioni, cappuccino e brioche. Verso fine mattinata e primo pomeriggio i gelati, poi verso sera gli aperitivi. Non andiamo oltre le 20.30 perché in quell’orario subentra la consegna a domicilio delle pizzerie e dei ristoranti. Con la pizzeria Fantasy e il ristorante “Il Mondo” ci siamo uniti in un unico volantino. L’unione fa la forza, anche in questo caso».

I clienti sembrano apprezzare e ne approfittano per riappropriarsi di una parvenza di vita sociale. Continua Alessandro Carta: «Siamo in giro tutto il giorno e più volte a settimana andiamo anche verso Castiadas e Villasimius. Vedere i bambini che ti aspettano felici per ricevere il gelato non ha prezzo, è molto emozionante! Mi hanno regalato dei disegni, mi fanno dei regalini, è davvero una grande emozione. Ci siamo abituati anche al nuovo saluto, gomito contro gomito. Sembra che siamo tornati un po’ indietro nel tempo e ci vuole pazienza ma devo dire che, in un momento come questo, vedere le persone contente “no du pagada dinari”, come diciamo in dialetto».

E nonostante il periodo di stallo, c’è spazio comunque per le novità. Conclude Alessandro Carta: «Visto che adesso il contatto diretto viene a mancare e servono altri canali comunicativi, abbiamo a disposizione anche l’app gelato. Un’applicazione per lo smartphone che permette di vedere in diretta quali gusti di gelato siano disponibili, visto che li cambio molto spesso. C’è anche la possibilità di vincere dei premi».

Sara L. Canu

(ilsarrabus.news)

:

Tags: , ,


About the Author




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top ↑