Sarrabus

Published on Marzo 24th, 2020 | by Redazione

0

SARRABUS. I sindaci alla Regione: “Non depotenziate il nostro ospedale, il San Marcellino diventi presidio di base”

L’ospedale San Marcellino sia riconvertito in presidio di base, di modo da poter ospitare i pazienti che trovano difficoltà ad essere assistiti nei reparti cittadini, nei quali il personale sanitario è coraggiosamente occupato a fronteggiare l’emergenza da Covid-19. Lo scrivono in una lettera indirizzata alla Regione e all’ATS, i sindaci del Sarrabus, Marco Antonio Siddi (San Vito), Sandro Porcu (Villaputzu), Marco Falchi (Muravera), Eugenio Murgioni (Castiadas) e Gianluca Dessì (Villasimius).

 

“Il nostro ospedale – scrivono i primi cittadini – ha ampi reparti recentemente ristrutturati ed è strutturato per poter ospitare i pazienti di ortopedia, chirurgia, medicina, oncologia, e malati di lunga degenza”.

I sindaci hanno deciso di intervenire dopo la nota della Direzione Sanitaria NP 2020/0012451 del 11 marzo 2020 “attività chirurgiche nei Presidi minori, riqualificazione dei servizi di Primo Soccorso e centralizzazione delle organizzazioni di Anestesia e Rianimazione” contenente la sospensione con decorrenza immediata della turnazione degli anestesisti negli ospedali minori, affinché i professionisti in questione possano essere impiegati “nelle attività correlate alle nuove e maggiori esigenze imposte dall’epidemia Covid-19”.

Un documento che ha allarmato i primi cittadini: “È forte la preoccupazione per il nostro territorio – scrivono – Il Pronto Soccorso diventa un Punto di Primo Intervento, ossia un servizio “di natura mista ospedaliero-territoriale” che potrà assicurare il trattamento delle non urgenze e delle urgenze minori (cosiddetti codici bianchi e verdi). Il trattamento delle emergenze e delle urgenze (differibili ed indifferibili) dovrà sempre e senza eccezione essere indirizzato e condotto dal sistema territoriale afferente l’Areus, ai presidi di Cagliari, Carbonia, San Gavino Monreale, Oristano, Lanusei, Nuoro, Alghero, Olbia, Tempio Pausania, Ozieri e Iglesias secondo criteri di appropriatezza e non di prossimità territoriale. Nel presidio San Marcellino l’attività chirurgica sarà esclusivamente elettiva con setting di day e week surgery. Ci chiediamo con molta preoccupazione se questa sia una soluzione momentanea stabilita solo al fine di contrastare l’emergenza epidemiologica in corso, o se sia la semplice attuazione della riforma ospedaliera da noi così tanto contestata”.

“Nel caso invece che questa nota sia la chiara attuazione della riforma ospedaliera – concludono i sindaci del Sarrabus – come amministratori abbiamo il dovere di difendere il diritto all’assistenza sanitaria dei nostri concittadini con i mezzi legali che riterremo più opportuni”.

(ilsarrabus.news)

:
Condividi sui social e seguici:

Tags: , ,


About the Author




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top ↑