Muravera

Published on Settembre 6th, 2019 | by Redazione

0

MURAVERA, Nessun risarcimento per un cacciatore del paese ferito durante una battuta

Nessun risarcimento per un cacciatore, E.M. 36 anni di Muravera impallinato dal compagno durante una battuta di caccia avvenuto tre anni fa. L’uomo stava partecipando alla battuta insieme al compaesano 38enne S.P., che imbracciava il fucile. Quest’ultimo ha sparato mirando ad una preda ma uno dei pallini ha raggiunto di rimbalzo il compagno all’occhio sinistro.

 

Al 36enne viene riscontrato un “trauma al bulbare sinistro con ritenzione di corpo metallico nel nervo ottico”. Morale: una settimana d’ospedale a cui segue un lungo periodo di riposo, una terapia farmacologica e frequenti visite di controllo.

Il corpo estraneo, però, non è stato estratto dai medici per non rischiare altre lesioni ma provoca al cacciatore muraverese fastidi e problemi alla vista, con un calo anche del campo visivo nei settori periferici. In buona sostanza, un’invalidità permanente di cinque punti e un’inabilità temporanea di sei mesi.

La richiesta di risarcimento, inoltrata alla 3A-Valore Spa, specializzato nel settore (l’assiciurazione del suo compagno di caccia), non va a buon fine:  se il cacciatore colpisce qualcuno di rimbalzo la garanzia assicurativa non vale.

La successiva causa legale vede il 38enne compagno di caccia citato in giudizio davanti al giudice di pace “per aver cagionato per colpa a E.M. lesioni personali consistite in un trauma del bulbo oculare: colpa consistita in negligenza, imprudenza e imperizia perché, nel corso di una battuta di caccia, esplodeva un colpo di fucile a pallini senza accertare l’eventuale presenza di terzi nella zona e che non voi fossero persone presenti lungo la traiettoria dei proiettili, colpendo E.M. all’occhio

Lunedì prossimo è in programma l’udienza.

(ilsarrabus.news)

:

Tags: , ,


About the Author




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top ↑