Non ci sono ancora dati ufficiali sull'esperienza di «lavoro da c..." /> MURAVERA, Il bilancio del sindaco sul lavoro da casa: «È il futuro ma la linea internet è troppo lenta » – IlSarrabus.news

Muravera

Published on Giugno 24th, 2020 | by Redazione

0

MURAVERA, Il bilancio del sindaco sul lavoro da casa: «È il futuro ma la linea internet è troppo lenta »

Non ci sono ancora dati ufficiali sull’esperienza di «lavoro da casa» che i comuni italiani e, nello specifico, quelli del Sarrabus hanno dovuto adottare costretti dalla pandemia di Coronavirus. Chiusi (o quasi) tutti gli uffici anche a Muravera, funzionari e impiegati hanno dovuto fare i conti con una metodologia di lavoro finora sperimentata poco o nulla.

 

Difficile avere dei riscontri certificati sulla produttività degli uffici comunali anche se fonti interne assicurano che questo aumento, almeno per certi settori, c’è stato e si aggira nell’ordine del 30 per cento delle pratiche evase in  più.

Il sindaco Marco Falchi, pur non disponendo di dato precisi, si dichiara soddisfatto: «Pur sperimentata in un momento drammatico come quello della «chiusura totale», ritengo che si tratti di un’esperienza validissima anche se necessita di essere verificata – spiega il primo cittadino – In una situazione simile è fondamentale la capacità manageriale dei responsabili dei veri uffici. Sono loro a dover pianificare i metodi per raggiungere gli obiettivi posti dall’amministrazione».

Un  metodo di lavoro innovativo che però ha anche qualche punto debole: «Uno di sicuro – ammette Falchi – la velocità della linea internet che non è particolarmente brillante nonostante anche in zona sia arrivata la fibra che dovrebbe garantire prestazioni migliori».

Di sicuro il «lavoro da casa» può rendere più facile la vita per chi ha figli da accudire e per i dipendenti che risiedono in un luogo diverso rispetto a quello in cui lavorano. «Proprio così – conferma il sindaco di Muravera – non tutti i nostri dipendenti sono residenti in paese. Col lavoro a casa si recupera tempo prezioso, per loro è un grosso vantaggio che si concretizza in spese minori per recarsi al lavoro, più tempo da dedicare alla famiglia e meno stanchezza che il dover viaggiare indibbiamente comporta. Non dover viaggiare da loro maggiore tranquillità e quindi maggiore produttività. Non abbiamo ancora messa a fuoco la produttività visto il tempo ristretto in cui si sta praticando il lavoro da casa ma dalle prime sensazionni., l’idea è quella  che può procurare grandissimi vantaggi. Certo, manca il rapporto diretto fra i colleghi, uno scambio culturale e tecnico ma oggi ci tutti gli strumenti per sopperire anche a questo aspetto».

Cosa non di poco conto, per i dipendenti «distaccati» nella propria abitazione, il lavoro in modalità casalinga rappresenta anche un importante risparmio in termini economici.

«Questo aspetto – dice Marco Falchi – può rappresentare un incentivo in più all’adozione di questo tipo di lavoro. Ripeto, mancano dati precisi sugli effettivi vantaggi in termini di produttività ma di sicuro è un sistema che rappresenta il futuro per il lavoro di un ente pubblico come il Comune».

Di certo, visto il fondamentale ruolo che l’Ente svolge (è la prima istituzione a cui i cittadini si rivolgono) non si può prescindere dalla presenza umana negli uffici.

«È indispensabile – spiega il sindaco di Muravera – visto che non tutti i cittadini, specie quelle delle fasce più anziane, hanno accesso ai mezzi informatici. Il problema si può ovviare garantendo la presenza del personale per determinati giorni alla settimana. Il rapporto col pubblico è fondamentale». A poco più di tre mesi dall’inizio dell’emergenza Coronavirus si avvicinano i tempi dei bilanci per quello che con un orrido termine inglese è conosciuto come «smart working». Chissà che non diventi veramente il metodo di lavoro principale per gli uffici pubblici. Staremo a vedere.

(ilsarrabus.news)

:
Condividi sui social e seguici:

Tags: , ,


About the Author




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top ↑