Apertis Verbis

Published on Gennaio 12th, 2021 | by Redazione

0

LA LETTERA. La giornata di un medico del 118 del Sarrabus fra incidenti, infarti e sospetti casi Covid

Ed eccoci qua a fine turno, dopo aver sopportato la dottoressa Fb, gestito e trasportato un coetaneo con l’infarto, essermi trattenuto dal rispondere a chi, dopo aver causato un incidente, mi tratta di m****, dopo tutto questo, l’ultima chiamata del turno, sospetto Covid, medico di base sul posto. Arriviamo e trovo una collega, giovane e piccola di statura ma un gigante in professionalità ed umanità. Mi parla della paziente, ha fatto il test ed è positiva, lei ci guarda con i suoi occhi cerulei, spaventata non vuole morire sola in ospedale. La rassicuriamo, facciamo la terapia ed il nipote si offre per far da supporto. Non ha bisogno dell’ospedale e può essere trattata a casa, ma quello che mi colpisce è la gentilezza e l’affetto della collega che mi racconta il suo dispiacere per dover abbandonare i suoi pazienti ma vuole, deve seguire il suo sogno e diventare chirurga. Grazie collega iniziavo a dubitare di me e della mia categoria ma mi hai infuso nuove energie. Luigi Cadeddu, medico 118 (ilsarrabus.news)

:

Tags: ,


About the Author




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top ↑