Attualità

Published on Aprile 1st, 2020 | by Redazione

0

COVID-19, Il ministro della Salute Speranza: “Limitazioni confermate fino al 13 aprile”

Il governo ha deciso di “confermare fino al 13 aprile tutte le misure di limitazione delle attività economiche e sociali e degli spostamenti individuali precedentemente adottate” legate all’emergenza coronavirus in Italia. Lo ha detto il ministro della Salute, Roberto Speranza, in una informativa al Senato.

 

“La nostra cura sta rallentando la velocità e l’estensione del contagio – ha spiegato il ministro – ma sarebbe un errore imperdonabile scambiare questo importante primo risultato con una sconfitta del covid-19: la battaglia è ancora molto lunga e non possiamo e non dobbiamo abbassare la guardia”.

“Attenzione a non commettere errori adesso, ai facili ottimismi che possono vanificare gli sforzi e i grandi sacrifici che la stragrande maggioranza degli italiani sta compiendo”, ha proseguito: “Non dobbiamo confondere i primi segnali positivi di queste ore con un segnale di cessato allarme”, anche se “le proiezioni statistiche ci indicano che siamo sulla strada giusta e che le indicazioni drastiche iniziano a dare i primi risultati”.

“Il nostro primo obiettivo – ha chiarito il ministro – deve essere riportare stabilmente e nettamente sotto il valore 1 l’R-0, l’indice di valore del contagio. È un obiettivo da conseguire per non moltiplicare ulteriormente il numero dei pazienti positivi, diminuire il numero dei decessi, evitare che il nostro Sistema sanitario nazionale venga colpito da un ulteriore tsunami. La strada da percorrere è ancora lunga”, ha aggiunto Speranza.

“E’ stata ed è ancora durissima, dentro una tempesta senza precedenti, contro un nemico non solo invisibile, ma anche molto forte e sconosciuto, stiamo affrontando sfide inedite e difficilissime. Il nostro Servizio sanitario nazionale è stato messo nelle ultime settimane a durissima prova. Pur nelle differenze quantitative del fenomeno, che si sono riscontrate nei diversi territori, in ogni regione d’Italia ci si è trovati di fronte a un’onda anomala di difficilissima gestione. Nella difficoltà assoluta di una situazione al di fuori di ogni ordinarietà, la risposta c’è stata ed è tuttora in corso”

“Ad oggi i posti letto in terapia intentisva sono 9081, con un incremento in meno di un mese di oltre il 75% rispetto alla dotazione pre covid che abbiamo realizzato in anni di acquisti e implementazioni, che era di 5395 posti. Sono stati triplicati i posti letto necessari per gestire l’emergenza covid. I posti letto di malattie infettive e pneumologia erano 6525 prima dell’emergenza, oggi sono 26424, +405%. Anche sul personale sanitario le Regioni hanno utilizzato tutte le norme approvate dal governo per favorire nuove assuzioni: ad oggi risultano già firmati circa 12mila nuovi contratti relativi al personale sanitario e numerose ulteriori procedure sono in corso”, ha concluso Speranza.

(ilsarrabus.news)

fonte: Askanews

:

Tags: , ,


About the Author




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top ↑