Cagliari

Published on Luglio 28th, 2018 | by Redazione

0

CAGLIARI, Una parrocchia per i fedeli cattolici legati alla Messa antica in latino

Cagliari avrà la sua parrocchia personale per la cura pastorale dei fedeli legati alla forma extra-ordinaria del Rito Romano. Avrà sede nella basilica di Santa Croce, nell’omonima via cittadina sita nel quartiere Castello. Si tratta della seconda parrocchia di questo tipo in Italia dopo quella di Trinità dei Pellegrini a Roma.

 

Cagliari potrà vantare il primato della prima parrocchia personale italiana affidata al clero diocesano. Infatti, è stato designato parroco il reverendo don Gianluca Pretta, che può esser considerato il “pioniere” dell’applicazione del Motu Proprio nell’Isola gloriosa di Sardegna, avendo generosamente favorito la celebrazione della Santa Messa fin dal 2007, nella sua precedente parrocchia di Santa Giusta in Gesico.

L’istituzione della nuova parrocchia è stata decisa dall’Arcivescovo di Cagliari, Arrigo Miglio, lo scorso 16 luglio.  L’Arcivescovo ha inteso andare incontro al coetus fidelium cagliaritano, consolidatosi da oltre dieci anni.

L’erezione di questa nuova parrocchia riporta alla mente le parole di papa Benedetto XVI: «Il compito di santificazione del popolo dei fedeli è indispensabile alla vita della Chiesa. Nel Motu Proprio Summorum Pontificum sono stato portato a precisare le condizioni di esercizio di tale compito, in ciò che concerne la possibilità di usare il messale del beato Giovanni XXIII (1962). Alcuni frutti di queste nuove disposizioni si sono già manifestati, e io spero che l’indispensabile pacificazione degli spiriti sia, per grazia di Dio, in via di realizzarsi. Nessuno è di troppo nella Chiesa. Ciascuno, senza eccezioni, in essa deve potersi sentire “a casa sua”, e mai rifiutato» (Benedetto XVI, Discorso alla Conferenza Episcopale Francese, 14 settembre 2008).

La Basilica è sita nell’antico ghetto ebraico, laddove sorgeva secoli addietro la sinagoga, fino al 1492, anno dell’espulsione dei giudii dal Regno da parte di Sua Maestà Ferdinando II d’Aragona. Una volta edificata la Chiesa, questa fu affidata dapprima all’Arciconfraternita del Santo Monte di Pietà e nel 1564 ai padri gesuiti. Dal 1809 appartiene all’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro.

Dal 2008, per decreto arcivescovile, è stata celebrata la Messa tradizionale la domenica e i giorni festivi, inizialmente dai reverendi Canonici del Capitolo Metropolitano e negli ultimi tre anni dal cappellano monsignor Gianfranco Zuncheddu.

(ilsarrabus.news)

:

Tags: , , , , ,


About the Author




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top ↑