Villasimius

Published on maggio 18th, 2018 | by Redazione

0

VILLASIMIUS, Fine settimana all’insegna di “Monumenti aperti”, visitabili anche scavi de Is Cuccureddus

Sabato 19 domenica 20 maggio Villasimius partecipa per il terzo anno a Monumenti Aperti e apre 6 monumenti del suo patrimonio artistico, archeologico e naturalistico.

 

Sono sei i monumenti di Villasimus che, grazie alla volontà dell’amministrazione comunale e all’entusiasmo dei volontari sono visitabili nelle giornate di sabato 19 e domenica 20 maggio.

Il Sindaco Gianluca Dessì ringraziando tutti coloro che hanno contribuito con grande impegno a portare a compimento questo progetto e i giovani di Villasimius che accoglieranno i visitatori e li accompagneranno alla scoperta dei monumenti più suggestivi, ha sottolineato come l’Amministrazione comunale è lieta di partecipare per la terza volta al circuito di Monumenti Aperti nell’edizione del 2018 ed è felici di aprire le porte dei nostri tesori ai visitatori.

Nell’Anno Europeo del Patrimonio Culturale, nel cui calendario Monumenti Aperti è inserita, la decisione di scegliere come tema Cultura – Patrimonio Comune è motivata dal considerare il nostro patrimonio artistico come memoria e come valorizzazione della diversità. Per questo, si è deciso di segnalare, per ogni comune un sito che sia testimonianza del nostro passato, ma con uno sguardo proiettato verso il futuro. In linea con questo tema, si è deciso di segnalare per Villasimius il Museo Archeologico comunale. Tra i reperti conservati nelle sue sale e che ripercorrono le vicende storiche del territorio sono degni di nota: una statua muliebre databile al I secolo d.C. proveniente da Santa Maria, luogo dove sono state riportate alla luce le terme, e il relitto di una nave spagnola naufragata nei pressi dell’Isola dei Cavoli e risalente alla prima metà del XV secolo che ha fornito interessanti informazioni dagli studi sul suo carico.

La novità di questa terza edizione è il sito di Is Cuccureddus, che sorge su una collina di circa 50 m s.l.m., ospitava le strutture di un fondaco e di un santuario attivo almeno fin dalla seconda metà del VII sec. a.C. in diretta connessione con lo scalo portuale ubicato presso la foce del Rio Foxi.

Oltre il Museo archeologico comunale questi gli altri monumenti aperti: la Parrocchia di San Raffaele al cui interno si può ammirare la pregevole statua dedicata al Santo Patrono; la Casa Todde – con il Museo del Mare “Giorgio Capai” un’antica casa padronale costruita nella seconda metà dell’Ottocento, articolata su due piani dal mese di agosto 2017 la Collezione Capai-Pusceddu che raccoglie più di 700 pezzi  tra cui bussole, ruote di timoni, fanali, uno scafandro del 1916, sestanti, grafometri, ancore, barometri, termoigometri, astrolabi, orologi, binocoli, oblò, lanciarazzi, modellini di imbarcazioni e arredi di pregio. Infine la Fortezza Vecchia a Capo Carbonara; Santa Maria: un edificio termale, probabilmente connesso ad una villa rustica, suddiviso in tre ambienti: un vano d’ingresso da cui si accede al calidarium, a sua volta suddiviso in due vani: il primo a pianta quadrangolare, con uno dei lati brevi absidato; il secondo, anch’esso a pianta quadrangolare, su cui si apre il praefurnium.

Il comune di Villasimius aderisce a Gusta la città con attività ricettive e di ristorazione che aprono nelle giornate di Monumenti Aperti affinché la partecipazione alla manifestazione sia più piacevole e godibile

I monumenti saranno visitabili gratuitamente il pomeriggio di sabato dalle ore 16.00 alle ore 19,30 e la domenica dalle ore 9.30 alle ore 13.00 e dalle ore 16.00 alle ore 19,30. 

Gli alunni delle classi IV e V della scuola Primaria e le classi I A e II B della scuola secondaria di Villasimius parteciperanno all’evento nelle vesti di piccole guide turistiche, supportati e affiancati dai docenti, dai volontari e dal personale del Museo Archeologico, che sono gli altri partner del progetto coordinato dal Comune.

Sarà disponibile un servizio navetta “Monumenti aperti”.

(ilsarrabus.news)

:
Condividi sui social e seguici:

Tags: , ,


About the Author



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to Top ↑
  • Notizie più recenti

  • Seguici su Facebook

  • Commenti recenti

  • Archivi

  • Categorie